sesso del bambimo

Tra le prime domande che i futuri genitori si sanno, c’è sicuramente quella relativa al sesso del bambino. Sarà un maschietto o una femminuccia? Questa è una di quelle domande che maggiormente viene posta da amici e parenti che è curiosa di conoscere il sesso del bambino. Tanta, infatti, è la curiosità relativa alla nuova vita che arriverà di lì a poco: che sia maschio o femmina, la gioia sarà comunque tanta, ma è comunque normale che si abbia una piccola preferenza.

Conoscere o non conoscere il sesso del feto

Potrebbe sembrare una domanda amletica, ma non per tutti conoscere il sesso del feto è considerata un’esigenza. C’è chi vuole saperlo il prima possibile, anche per poter scegliere come chiamare il proprio bambino (scopri i più diffusi nomi maschili e femminili) e chi vuole invece godersi l’effetto sorpresa. Che sia maschio o femmina, ovviamente, non cambia la gravidanza. La maggior parte dei genitori, in ogni caso, vuole saperne di più sul nascituro: vediamo quello che c’è da sapere quando si parla di sesso del bambino, a cominciare dal momento in cui inizia a vedersi.

A quante settimane di vede il sesso del bambino?

Il sesso del nascituro viene determinato con assoluta certezza attraverso un’ecografia morfologica, che si effettua nel secondo trimestre, solitamente tra la 20esima e 22esima settimana. In alcuni casi si può optare per una morfologica precoce, tra la 15esima e la 16esima settimana di gravidanza. La risposta alla domanda “A quante settimane si vede il sesso del bambino?” è dunque semplice: per avere certezza bisogna aspettare il secondo trimestre, con le dovute eccezioni: qualora la posizione del feto fosse favorevole a un’osservazione, infatti, lo si potrebbe stabilire prima.

Non perderti:  Dolori in gravidanza: quali sono e come comportarsi

Differenze tra maschio e femmina nella gravidanza

Esistono alcune differenze tra maschio e femmina in gravidanza, legate alla crescita fetale intrauterina. I maschietti, di norma, sono più grandi e paiono crescere più velocemente nel pancione della mamma. Al di là di questo, esistono alcune credenze popolari e alcuni vecchi miti sul sesso del nascituro, secondo i quali si potrebbe determinare se sarà maschio o femmina dalla forma della pancia.

Pancia da femmina

Stando alle credenze popolari, la pancia da femmina ha la forma simile a quella di un’anguria o, ancora, se è alta.

Pancia da maschio

In caso di maschietto, invece, la pancia sarebbe più tonda, a forma di palla, e più bassa.

Altre teorie, prima di ricorrere alle dovute ecografie o ad altri test scientifici, si affidano al modo con cui la gravidanza si manifesta. Per alcuni i sintomi con i quali si presenta la gravidanza permettono di capire se il feto è un maschio o una femmina. Anche in questo caso, per quanto possa essere simpatico il metodo per capirlo, non ci sono conferme dal punto di vista scientifico.

Fase lunari e concepimento

La tradizione popolare lega la nascita di un maschio e di una femmina alla posizione della luna. Per questo si sente spesso parlare di luna crescente e luna calante. Nel rapporto fasi lunari e concepimento non esiste alcuno studio scientifico che provi che si tratti di una tecnica valida. Va preso per quello che è: un metodo curioso, un divertimento da fare prima che si possa conoscere il sesso attraverso le ecografie che confermino o meno che si tratti di un maschio o di una femmina.

Non perderti:  Travaglio: tutti i sintomi e le fasi

Come funziona questo “metodo”? Anzitutto bisogna sapere all’incirca quando è avvenuta l’ovulazione: se è avvenuta nei giorni di luna piena (o meglio nelle 24 ore di luna piena), secondo la credenza che si affida alle fasi lunari è probabile che nascerà una bambina. Se l’ovulazione cade, invece, in prossimità della luna nuova, è probabile che nascerà un  maschio. Pare che in fase di luna calante o crescente il metodo fallisca più di frequente, mentre quando si ovula nel giorno di luna nuova o luna piena, questo sarebbe più efficace. Come sappiamo, comunque, non si può scegliere il giorno dell’ovulazione!

Volendo riassumere il sistema della luna crescente e della luna calante per la comprensione se il proprio bambino sarà un maschio o una femmina:

  • Luna piena: femmina (più probabile);
  • Luna nuova: maschio (più probabile);
  • Luna Crescente (gobba a ponente: si va verso la luna piena): femmina;
  • Luna Calante ( gobba a levante: si va verso la luna  nuova): maschio.

Calendario cinese: maschio o femmina?

Esiste anche chi si affida al calendario cinese del concepimento per sapere quale sarà il sesso del nascituro. Anche in questo caso, bisogna dire che non esiste alcun supporto scientifico che ne provi la validità, ma nulla toglie che lo si possa provare giusto per divertirsi. Il funzionamento è molto semplice: basta incrociare il mese in cui è avvenuto il concepimento e l’età della mamma (sempre  al momento del concepimento). Per consultare il calendario cinese con il quale capire se il proprio bambino sarò un maschio o femmina è possibile consultare questo specchietto:

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui