Nonni in casa

Cosa troverai in questo articolo:

Quante famiglie si ritrovano ad avere dei nonni in casa? Il più delle volte tale situazione è figlia della necessità, tanto che essa per molti costituisce più un problema che una risorsa. Se è vero che con il passare degli anni i figli recuperano il rapporto con i propri genitori, è altrettanto vero che con l’avvento dei figli dei figli (i nipoti) cambiano le dinamiche e possono sopraggiungere nuovi problemi. Vediamo quindi quali sono i pro e i contro di avere i nonni in casa, analizzando le varie sfaccettature di un fenomeno complesso e trasversale.

Genitori non solo propri

Il primo aspetto da considerare quando si parla di nonni in casa è che la loro presenza, nel bene o nel male, cambia gli equilibri della famiglia. Questo avviene anche perché essi sono sì nonni, ma sono anche genitori. Ma lo sono solo di uno dei due coniugi. Per quanto possa apparire ovvio e banale, tale dato è uno di quelli che maggiormente crea divisioni e tensioni nelle famiglie. L’assistenza agli anziani è sicuramente un grande merito, ma non bisogna sottovalutare le difficoltà. Anche e soprattutto in tutti quei casi in cui tale convivenza non è voluta ma “subita” (ovvero non si hanno alternative), è fondamentale per il bene di tutti, non ignorare le criticità che è normale che ci siano.

Le difficoltà

Partiamo proprio da qui. Oltre ai mutamenti degli equilibri familiari di cui abbiamo detto, la convivenza con i nonni in casa è difficoltosa soprattutto perché si tratta di assistere persone spesso in difficoltà. Che siano fisiche o mentali, bisogna adeguare i propri ritmi a quelli degli anziani. Anche e soprattutto quando il loro arrivo è improvviso è doveroso avere grande pazienza e tentare fin da subito a stabilire regole chiare. Il problema maggiore, infatti, è nei confronti dei bambini. Per loro sono i nonni ed è un rapporto diverso rispetto a quello dei genitori. I nonni devono fare i nonni senza sostituire i genitori. Il loro aiuto può essere molto prezioso, come vedremo, ma non deve costituire un pericolo per la crescita dei bambini e l’autorevolezza dei genitori. Altro discorso è quando i nonni hanno bisogno di assistenza fisica e sanitaria. Molto dipende dall’età del bambino, ma è bene che egli passi del tempo con i propri nonni; sarà un ricordo fondamentale per il loro futuro.

I vantaggi

Molti si fermano alle difficoltà e ignorano i grandi vantaggi della presenza dei nonni in casa. Non che si tratti di sfruttarli, ma la convivenza può essere benefica per tutti. Per i nipoti innanzitutto, che avranno un amore incondizionato da parte dei propri nonni, ma anche per gli anziani stessi che potranno non sentirsi inutili e abbandonati e avranno modo di trascorrere serenamente questa fase della loro vita.

Un aiuto fondamentale dato dall’avere i nonni in casa è quello, quando ci sono le condizioni, di superare il problema dell’iscrizione agli asili nido. I nonni possono crescere i bambini e sollevare i genitori da un’importante spesa economica (anche potendo contare sul bonus nonni) e permettere di crescere con i propri familiari e non con degli estranei.

La presenza dei nonni in casa, se correttamente impostata e gestita, può essere benefica per tutta la famiglia, potendo condividere insieme momenti importanti che saranno fonte di meravigliosi e commoventi ricordi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui