Gambe belle e in forma

Una dieta equilibrata e il ricorso a dei massaggi ad hoc non sempre sono sufficienti per evitare che le gambe si gonfino e per fare in modo che esse restino sempre leggere. Il movimento fisico è molto importante, ma sono numerosi gli accorgimenti che è essenziale mettere in atto per ridurre la cellulite e avere glutei ben modellati.

Come mangiare

Ovviamente curare l’alimentazione è il primo passo per ridurre la pancia e, più in generale, tentare di restare in forma a 50 anni. In particolare, occorre evitare per quanto possibile gli alimenti con un elevato contenuto di zucchero e quelli troppo grassi. Dovrebbero essere messi al bando anche i cibi in cui sono stati aggiunti conservanti e coloranti, così come quelli molto salati. Per quel che concerne la distribuzione dei diversi nutrienti, nel corso di una giornata sarebbe opportuno introdurre il 60 per cento di carboidrati, il 15 per cento di proteine e il 25 per cento di lipidi. Il pane, le patate, il riso e la pasta non devono essere demonizzati, ma anzi non dovrebbero mai mancare dalla tavola; lo stesso discorso vale per l’olio di oliva extra vergine, per i formaggi, per le verdure, per i legumi e per la frutta. Occorre alternare, inoltre, le uova, le carni bianche e il pesce.

L’importanza di bere

Per snellire le gambe è importante anche ricordarsi di bere con una certa frequenza, per arrivare almeno a 2 litri di liquidi assunti ogni giorno. Non solo acqua, comunque: per esempio, va bene anche il tè verde, che si fa apprezzare per il suo contenuto di elementi drenanti e antiossidanti grazie a cui possono essere stimolate la circolazione e la diuresi. Meglio non consumarne troppo, però, prima di andare a dormire, per evitare che lo stimolo della diuresi interrompa il sonno. L’acqua fa sì che la pelle delle gambe (e del resto del corpo) resti tonica, idratata e luminosa. Via libera anche alle tisane, fresche in estate e calde in inverno.

I massaggi

Per avere gambe più snelle non si può rinunciare ai massaggi drenanti. Di che cosa si tratta? Di lievi massaggi circolari che devono essere effettuati dal basso verso l’alto che rappresentano un ottimo aiuto per contrastare la ritenzione idrica e per fare in modo che la circolazione si riattivi. Questo tipo di massaggio dovrebbe essere effettuato dopo la doccia, meglio se con dei piccoli rulli drenanti o con dei guanti esfolianti. I massaggi drenanti servono a migliorare gli scambi tra le cellule e ad avere gambe più leggere, anche perché agevolano lo smaltimento delle tossine e riattivano sia la circolazione linfatica che quella del sangue.

Le abitudini quotidiane

Sono numerose le abitudini quotidiane su cui è bene intervenire se si desiderano gambe in forma. Si potrebbe iniziare, per esempio, indossando nel corso della giornata delle calze graduate, che hanno il pregio di stimolare la circolazione su tutta la lunghezza degli arti inferiori. Sempre in tema di abbigliamento, è preferibile evitare di utilizzare vestiti eccessivamente stretti. Questo vuol dire rinunciare per qualche tempo ai bustini e ai pantaloni troppo fascianti, ma anche rimuovere dal guardaroba i jeans elasticizzati, che contrastano la circolazione del sangue. Infine, le scarpe con i tacchi molto alti sono corresponsabili della comparsa della cellulite, dal momento che favoriscono alterazioni della circolazione.

No alle sigarette e al caffè

Ci sono altri due vizi comuni che si dimostrano pericolosi per la salute e per la bellezza delle gambe: il fumo e l’abitudine di bere il caffè. Sia la nicotina che la caffeina, infatti, hanno l’effetto di restringere i capillari, il che fa sì che l’afflusso di sangue sia ridotto. Va ricordato, infine, che i vasi vengono dilatati più del necessario a causa delle temperature troppo alte; il caldo, infatti, può far rompere i capillari.

Il movimento fisico

Non c’è bisogno di essere triatleti per seguire un programma di allenamento fisico: anche solo l’azione del camminare è sufficiente per raggiungere risultati apprezzabili. Se si mantiene un passo sostenuto, si ha la possibilità di velocizzare il metabolismo e di moltiplicare la produzione di endorfine, che aiutano a contrastare lo stress. Camminando in un parco, sui sentieri di montagna o comunque all’aria aperta, si percepisce il corpo nello spazio, dal momento che il terreno migliora l’equilibrio e agevola la propriocettività. In inverno, o comunque quando c’è cattivo tempo, va bene anche utilizzare il tapis roulant, che consente di mantenere sempre la stessa andatura. Il tono muscolare permette di conferire alle gambe una linea più sinuosa: così c’è bisogno di lavorare sulla diminuzione della ritenzione idrica.

Abbigliamento snellente e funzionale

Infine, l’ultimo accorgimento che vale la pena di adottare consiste nel utilizzare una innovazione tecnologica che da un po’ è disponibile sul mercato e cioè i cosmetotessili, (indumenti funzionali con tecnologia cosmetica al loro interno, segnaliamo tra i vari BeGood, un marchio made in Italy). Questi tipi di capi permettono di migliorare la circolazione delle gambe grazie alla loro funzione drenante. Essi si basano su un tessuto drenante che permette di stimolare il microcircolo e, quindi, di smaltire i liquidi in eccesso che si depositano sulle cosce e sui glutei. Si tratta di capi di abbigliamento snellente che riescono anche a tamponare il ben noto effetto della pelle a buccia di arancia; per di più il tessuto produce un effetto super slim in virtù del quale spariscono in modo istantaneo i centimetri in eccesso delle cosce, dei fianchi e del giro vita. Appartengono a questa categoria i leggings BeGood che contengono la vitamina E e l’aloe vera, per mezzo delle quali sono in grado di idratare la pelle di chi li indossa e di rivitalizzarla.

I risultati sono già evidenti dopo meno di un mese: questi leggings massaggianti devono essere usati e indossati come dei leggings tradizionali e riescono a conservare la propria funzionalità e la propria forma anche dopo essere stati lavati più e più volte. Prodotti in Italia ma progettati in Svizzera, sono caratterizzati da un tassello con effetto anti batterico e proteggono la pelle dai raggi del sole tramite il filtro anti UV di cui sono dotati. Bastano poche sessioni di utilizzo per notare i primi miglioramenti, ma è solo un utilizzo continuativo che fa sì che i risultati possano essere ottimizzati. Il consiglio degli esperti è quello di tenere addosso i leggings BeGood per 8 ore al giorno per 28 giorni di seguito. Al termine di questo periodo, si avrà la certezza di sfoggiare gambe più snelle e più sode: in poche parole, gambe più belle, che non dovranno più essere nascoste ma, anzi, potranno essere mostrate con orgoglio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui