Amenorrea: quando il ciclo non arriva. Cause e cure

Il ciclo mestruale è un evento fisiologico che ogni donna in media vive ogni ventotto giorni. A molte donne, però, il ciclo mestruale non si manifesta con regolarità ed in alcuni casi il ciclo mestruale non arriva provocando così il fenomeno conosciuto con il nome di amenorrea.

Amenorrea, cos’è?

Si può parlare di amenorrea quando in una donna si verifica l’assenza di tre cicli mestruali o quando una giovane ragazza, più o meno all’età di 15 anni, non ha ancora avuto le mestruazioni.

Alla base di ciò ci possono essere diverse cause.

Amenorrea primaria e secondaria

Gli esperti identificano due tipologie di amenorrea: l’amenorrea primaria e l’amenorrea secondaria. La prima, quella più rara, riguarda le ragazze che all’età di 15 anni non hanno ancora avuto la prima mestruazione. La seconda rappresenta una condizione più comune: la cessazione per più di 3 mesi del ciclo mestruale che precedentemente aveva un flusso regolare.

Amenorrea, sintomi

I sintomi dell’amenorrea sono tanti il principale è chiaramente l’assenza di cicli mestruali, ma ce ne sono anche altri legati a questa patologia come: acne, dolore pelvico, disturbi visivi, perdita di capelli, secrezione lattea dal capezzolo, mal di testa, eccesso di peli sul viso.

Amenorrea, cause

La cause dell’amenorrea possono essere molteplici: la gravidanza rappresenta la causa più comune.

L’interruzione delle mestruazioni durante la gravidanza, ma anche nel primo periodo dell’allattamento, è praticamente fisiologica. Se la neo mamma allatta al seno, ci sarà una maggiore produzione di prolattina e la regolarità del ciclo potrebbe anche non presentarsi sino alla fine del periodo di allattamento.

Le altre cause sono riconducibili a problemi che riguardano gli organi riproduttivi o le ghiandole che regolano i livelli ormonali.

Ma l’amenorrea può essere causata anche da stili di vita errati come: lo stress mentale. Un periodo particolarmente stressante a livello emotivo può alterare temporaneamente il funzionamento dell’ipotalamo, cioè quella parte del cervello deputato al controllo ormonale che regola il ciclo mestruale. Di conseguenza può verificarsi una sospensione dell’ovulazione e delle mestruazioni, ovvero l’amenorrea da stress. In genere, se la condizione di stress viene a mancare o si riduce, i cicli mestruali riprendono regolarmente.

Altra causa può essere ricollegata ad un peso corporeo eccessivamente basso. Essere al disotto del peso normale può influire sulle funzioni ormonali dell’organismo e procurare uno stop all’ovulazione. Le donne che soffrono di disturbi alimentari come l’anoressia o la bulimia spesso sono soggette all’assenza di mestruazioni.

E infine un eccesso di esercizio fisico. Le donne che praticano troppa attività fisica possono avere un’interruzione delle mestruazioni. Si pensi ad esempio a coloro che intraprendono carriere sportive-agonistiche che si sforzano eccessivamente ed hanno una bassa percentuale di grasso corporeo.

Chiaramente quando una donna ha saltato tre cicli consecutivi o se una ragazza a 15 anni non ha ancora avuto il menarca è consigliato consultare il parere di un medico per non incorrere in alcune complicazioni che potrebbero essere:

  • l’infertilità, causata dall’assenza di cicli mestruali;
  • l’osteoporosi sopratutto quando l’amenorrea è prolungata ed è causata da bassi livelli di estrogeni.

Come curare l’amenorrea

Per curare l’amenorrea bisogna prima accertarne le cause. A volte il problema si risolve da solo, altre volte invece basta assumere delle pillole anticoncezionali o altre terapie ormonali. Se l’amenorrea è causata da problemi con l’ipofisi o con la tiroide, il trattamento potrà essere farmacologico. Nei casi in cui l’assenza di mestruo dipenda da un tumore o comunque da un impedimento organico, dovrà essere necessario ricorrere alla chirurgia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui