Smart Working e bambini

Il lockdown di queste settimane ci ha insegnato tante cose, tra cui che il lavoro da casa non è esente da criticità. Soprattutto per chi ha dei bambini lo smart working presenta notevoli difficoltà di cui è fondamentale tenere conto. Pianti e richieste durante una call con il proprio capo, pianti tra fratelli mentre è in corso una videochiamata con i colleghi, la concentrazione che stenta a consolidarsi e uno stress psicologico ed emotivo che cresce a dismisura.

Certo, la quarantena ha provocato problemi a tutti, nessuno escluso e la possibilità di aver potuto lavorare (e continuare a farlo) da casa, è sicuramente un privilegio. Ma non per questo non si devono registrare pesanti difficoltà. È quindi doveroso affrontare il rapporto tra smart working e bambini andando a individuare i maggiori problemi e a formulare parallelamente qualche ipotesi di soluzione.

Non esistono cure miracolose o formule magiche anche perché molto dipende dal tipo di lavoro, dal numero e l’età dei propri figli, dalla grandezza della casa e dal numero di persone adulte che la abitano. Ognuno di questi aspetti incide profondamente sulla gestione dei bambini durante lo smart working, ma è possibile comunque tracciare delle considerazioni generali.

Consigli utili per gestire i bambini durante lo smart working

Qualcosa è cambiato e continuerà a farlo

Il primo aspetto da sottolineare è quello relativo al cambiamento. Che non è solo quello che è ora alle spalle, ma anche quello del futuro. Non sappiamo come evolveranno le cose e quali condizioni si verranno a creare; è quindi fondamentale riuscire ad avere una certa flessibilità. Anche in termini di smart working e bambini. Certo, non tutti i lavori possono essere svolti da casa, ma è fondamentale resistere a una realtà nuova e in quanto tale diversa e per lo più sconosciuta.

Un consiglio importante è quello di creare delle abitudini e regolare la propria giornata. Lo smart working non è “lavoro quando mi sveglio”, in quanto ci sono sempre orari, appuntamenti e scadenze da rispettare. Per non rendere il tutto ancora più caotico, è fondamentale stabilire una disciplina che coinvolga non solo il lavoro, ma anche i propri bambini.

Non perderti:  Maternità e lavoro: tutti i diritti delle mamme

Tenere i bambini impegnati

Qui entriamo un po’ nel cuore del problema del rapporto tra smart working e bambini, ovvero l’occupazione dei più piccoli. Una reazione potrebbe essere quella di lasciare i bambini davanti alla televisione o ai social network; almeno così non disturbano, si divertono e le giornate passano abbastanza regolarmente per tutti. La realtà è più complicata e può tornare utile quanto sottolineato dai pediatri italiani che denunciano: “L’errore che i genitori in questo momento non devono commettere è sovraccaricare di compiti i propri figli per tenerli impegnati. Ci pensano gli insegnanti ad assegnare i compiti a casa e ognuno deve rispettare il proprio ruolo. I bambini stanno male per questi continui atteggiamenti richiestivi da parte dei genitori che creano danni enormi

Bisogna trovare un equilibrio che passa tra gli estremi di bambini annoiati e bambini schiavi degli impegni. Con l’organizzazione familiare, magari avvalendosi dell’aiuto del proprio partner, è necessario trovare attività da far fare ai bambini. Magari diversificandole nel corso della giornata e consentendo loro anche di riposare o giocare liberamente. Per questo si possono organizzare dei piccoli eventi, disporre la cameretta in modo che possano avere tutto a disposizione per poter trascorrere liberamente il proprio tempo.

Spazi e tempi per il lavoro

Come conseguenza della creazione di nuove abitudini di cui abbiamo già parlato, l’altro aspetto urgente è quello di regolamentare sia gli spazi che i tempi del lavoro. Poter contare su una postazione di lavoro fissa, per quanto il notebook resta lo strumento principe dello smart working, aiuta a sviluppare una regolarità che mantiene alta la concentrazione e la produttività. Munisciti di ciò che hai bisogno e che ti è indispensabile; sistema lo spazio di lavoro in una posizione comoda, ben illuminata e dotata delle prese elettriche necessarie. Un consiglio è anche quello di analizzare qual è la zona della casa dove prende meglio il segnale sia telefonico che della connessione WiFi e posizionare lì la propria postazione.

Non perderti:  Lavoro e maternità: leggi e diritti

Sul discorso tempi bisogna ricordare sempre come la vita non sia il proprio lavoro e un’eccessiva sovrapposizione di queste due sfere riesca di essere nociva per entrambe. Una tendenza riscontrata nelle settimane di lockdown è quella di riduzione della cognizione temporale, ritrovandosi a lavorare per parecchie ore anche perché privi di altre attività da fare. Chi lavora in smart working e ha dei bambini deve stare ancora più attento e mantenere una sana e netta distinzione tra le due aree della vita, dedicando il tempo necessario alla crescita dei propri bambini.

Una pausa per grandi e bambini

Anche in virtù di quanto appena detto è utile sottolineare la necessità di prendersi una pausa. Dal lavoro, ma anche dallo studio o dal gioco. Fare la stessa cosa per troppe ore continuamente rischia di logorare quell’attività, anche fosse la più divertente. È necessario sforzarsi, ma è un sacrificio che paga, sia nel breve che nel lungo termine. E una pausa dallo smart working può essere il momento ottimale per stare con i propri bambini e capire se hanno bisogno di qualcosa.

Il lavoro non è tutto

Lo abbiamo già detto e lo ripetiamo: il lavoro non è e non può essere tutto. Può essere un’affermazione stonata in un ennesimo periodo di crisi economica e occupazionale, ma è un principio che deve essere ribadito. Innanzitutto per la tutela dei più fragili, in questo caso i bambini, ma anche di sé stessi. Le energie di cui si dispone non sono illimitate e bisogna saperle gestire con parsimonia e cura. Le energie si consumano, non raddoppiano e non si può dare la stessa cura al lavoro e ai bambini. Bisogna trovare un equilibrio, che non necessariamente è una via di mezzo e che non deve portare a ignorare l’unicità del momento. Questo significa che anche i bambini percepiscono le difficoltà di questo periodo storico, pur senza capirle, e hanno bisogno di qualcuno che li aiuti a crescere, a vivere la loro vita e a costruire il loro futuro. Sia che si tratti di bambini che di ragazzi più grandi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui