Nausea in gravidanza

Può sembrare poco elegante e molto diretto dirlo, ma la causa della nausea in gravidanza è la gravidanza stessa. Non tutte le nausee hanno come origine la presenza di una gravidanza, ma quasi tutte le gravidanze conoscono questo fenomeno. Di cosa si tratta? Quando si manifesta per la prima volta? E come farlo passare? Vediamo più da vicino di analizzare questo fastidio per imparare a gestirlo correttamente.

I sintomi della gravidanza

Esistono casi di gravidanze senza sintomi, ma la stragrande maggioranza dei casi (le statistiche parlano di tre donne su quattro) racconta di avere avuto delle sensazioni di nausea in corrispondenza della gravidanza. La nausea è considerata come uno dei sintomi maggiori dell’essere rimaste incinta, anche perché essa inizia già dopo una settimana dal ciclo saltato. La massima incidenza della nausea in gravidanza si manifesta intorno alle 12-14 settimane e termina solamente al quarto mese.

Non una sola nausea

Il modo in cui la nausea si manifesta durante la gravidanza varia da mamma a mamma. Di conseguenza anche i rimedi alla nausea saranno diversi in base al tipo di fenomeno e di sensazione. In alcune donne il fastidio è più lieve, in altre più pesante e fastidioso. Solitamente si presenta a stomaco vuoto, quindi al mattino, ma non per tutte è così. Molto spesso alla nausea in gravidanza corrispondono attacchi di vomito che possono compromettere un’alimentazione corretta.

Ciò che è doveroso sottolineare è come la manifestazione di questo fenomeno non costituisce un problema per il bambino e per il suo sviluppo.

Non perderti questo ->  Alitosi: le cause e tutti i rimedi naturali più efficaci

Come far passare la nausea

Abbiamo anticipato come il fenomeno della nausea in gravidanza non sia identico per tutte le donne, di conseguenza anche i rimedi alla nausea variano in base a tante condizioni. Innanzitutto l’intensità con cui si verifica, ma soprattutto la percezione di ogni donna. Non esistendo un rimedio unico e univoco è doveroso fare delle prove, evitando soluzioni invasive che possano provocare un danno al bambino.

Un primo rimedio è quello di bere molto, preferibilmente a piccoli sorsi. Alcune donne preferiscono bere dell’acqua gassata o altre bevande di questo tipo; l’importante è che siano prive di caffeina. Un’altra possibilità è data dal correggere le proprie abitudini alimentari. Nonostante bisogni prestare molta attenzione al tipo di cibi assunti, i pasti non vanno assolutamente ridotti. Anzi, oltre ai tre canonici (colazione, pranzo e cena) è utile introdurre due spuntini a metà mattinata e metà pomeriggio provando a dividere le porzioni e distribuirle nel corso de tempo.

Per prevenire la nausea può essere utile anche mangiare qualcosa appena ci si alza dal letto o ancora prima quando si è ancora sdraiate. Frutta secca, pane secco o cracker, che possono essere preparati la sera prima e collocati sul comodino (o serviti dal proprio partner), si rivelano molto utili a questo scopo. Sempre rimanendo nel campo dell’alimentazione un consiglio prezioso è quello di non bere tanto mentre si sta mangiando.

Esistono poi rimedi e consigli per prevenire la nausea in gravidanza anche non inerenti all’alimentazione. Tra questi per le donne in dolce attesa è fondamentale il riposo; la stanchezza può aumentare la percezione della nausea e in alcuni casi anche renderla insopportabile.

Non perderti questo ->  Le 10 diete più efficaci per dimagrire: ecco come rimettersi in forma dopo le feste

Se la nausea si presente sistematicamente in concomitanza con determinati eventi (viaggi in auto, luoghi affollati, ambienti chiusi, eccetera) è bene evitarli il più possibile. Altre soluzioni riguardano la postura, evitando di mettersi a letto a stomaco pieno o di rimanere per troppo tempo seduta comprimendo di conseguenza lo stomaco.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui