Ultimi articoli

Emangiomi Infantili: A chi bisogna rivolgersi

Shares
Read Carefully

Gli emangiomi infantili sono dei tumori benigni generalmente di piccole dimensioni che appaiono nei primi mesi di vita dei bambini. Alla vista sembrano minuscole macchie di colore rosso che tende però ad intensificarsi col passare del tempo. Questo perché i vasi sanguigni presenti nella zona circostante diventano sempre più scuri, simili a degli ematomi. Nella maggior parte dei casi gli emangiomi infantili tendono a scomparire naturalmente entro il settimo anno di età senza alcuna conseguenza negativa.
La cute nella zona colpita torna alla normalità, rimanendo grinzosa o segnata solo nei casi di profonda vascolarizzazione. Generalmente gli emangiomi non apportano alcun sintomo, destando qualche preoccupazione solo se situati in zone adiacenti ad occhi, naso o bocca poiché potrebbe sanguinare.

A quale specialista rivolgersi?

La prima figura a cui rivolgersi è il pediatra che può diagnosticare per tempo l’emangioma spiegando ai genitori l’assenza di sintomatologia o conseguenze negative sul bambino così da tranquillizzare i genitori. Lo stesso pediatra, quando è necessario può indicare un dermatologo
specializzato per una visita ulteriore. Nella maggior parte dei casi non vi è la necessità di intervenire sugli emangiomi infantili e si aspetta che questi regrediscano con gli anni.
Ci sono dei casi in cui il dermatologo reputi necessario l’intervento, nello specifico quando l’emangioma è di dimensioni considerevoli e situato, ad esempio, vicino agli occhi: in tale eventualità è bene intervenire poiché questo potrebbe pregiudicare lo sviluppo visivo del bambino. L’intervento è altresì necessario quando l’emangioma sia vicino alla bocca o al naso e non permette al bambino di mangiare oppure di respirare.
Altri casi in cui viene consigliato l’intervento si hanno quando l’emangioma è posizionato in zone visibili: sul viso, sul collo oppure sulle braccia, generalmente si aspetta ad intervenire fino a che il bambino non compia un anno. Le dimensioni notevoli dell’emangioma e la posizione visibile possono infatti provocare dei disturbi psicologici poiché il bambino si vede diverso dagli altri in una fase molto delicata della propria vita.

Non perderti questo ->  Osteopatia: cos'è e cosa cura? Le risposte ai dubbi più frequenti

A quali centri specializzati rivolgersi per il trattamento degli emangiomi

Se il dermatologo reputa necessario intervenire per rimuovere l’emangioma, indirizza i genitoriverso dei centri specialistici in quanto sonodiverse le figure che devono intervenire. Grazie allenuove scoperte della medicina, è possibile trattare alcuni tipi di emangiomi con una terapiafarmacologica senza la necessità di effettuare un intervento col laser; in questi casi i farmacicortisonici utilizzati in passato sono adesso sostituiti con un medicinale innovativo e più efficiente,il propanorololo, un betabloccante, questa terapia può essere consigliata dal dermatologo stesso.
Nei casi più difficili invece è necessario intervenire con il laser, l’operazione poco invasiva ma allostesso tempo molto efficacie, sarà seguita da diverse figure specializzate, il dermatologo, un chirurgo plastico che sarà il medico che effettua l’operazione ed un radiologo, i risultati sono immediatamente visibili e la zona trattata non presenterà alcuna cicatrice o inestetismo.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top