Ultimi articoli

Il test di gravidanza può sbagliare? Il falso positivo

Shares
Read Carefully

Quando si parla di test di gravidanza, è frequente affrontare l’argomento dei falsi negativi, cioè di quei test che danno un risultato negativo nonostante sia in corso la gravidanza. Meno frequentemente si affronta l’argomento del falso positivo, cioè di un test che dà un esito positivo nonostante non ci sia alcuna gravidanza in corso: si tratta di un caso più raro, che tuttavia può verificarsi comunque.

Test gravidanza falso positivo, che vuol dire? Succede, dunque, che nonostante il test di gravidanza fatto in casa, con il classico stick, abbia fornito un risultato positivo, cioè abbia segnalato la presenza di una gravidanza in corso, in realtà, non è così. Anche il test di gravidanza può sbagliare, ma per fare la controprova basta fare un dosaggio delle beta HCG nel sangue o nelle urine.

I test di gravidanza che si trovano in commercio possono essere fatti anche pochi giorni dopo che si è verificato un ritardo nel ciclo mestruale e, solitamente, la loro attendibilità è molto alta. Da uno studio americano è emerso che questi possono raggiungere una percentuale di accuratezza pari quasi a quella dei test fatti in laboratorio, ma la precisione ovviamente dipende da alcuni fattori, come il corretto svolgimento della procedura e la supervisione di una persona esperta.

Lo stesso studio ha rivelato come 1 volta su quattro il test può dare un risultato sbagliato, se ad esempio si esegue da sole in modo scorretto. Così, pur risultando un test di gravidanza positivo, in realtà, potrebbe non esserci una gravidanza.

I test di gravidanza da fare in casa sono stick che entrano in contatto con l’urina: qui, infatti, si può individuare la presenza di un ormone che si chiama gonadotropina corionica umana, beta HCG, prodotto dall’organismo solo se è avvenuto il concepimento. La produzione inizia tra i 6 e 12 giorni successivi al concepimento, quando l’embrione comincia a impiantarsi nell’utero. Qualora, dunque, si ricorra al test di gravidanza troppo presto, si può incappare in un falso negativo, cioè in un test che dice che non si è incinte perché non si possono ancora evidenziare i livelli di beta HCG nell’urina.

Non perderti questo ->  Come non rimanere incinta.Tutto quello che c'è da sapere

Diverso è il caso di test gravidanza falso positivo. Nel caso del falso negativo è una questione di tempistica, mentre il falso positivo è proprio un’anomalia, perché normalmente nell’organismo l’ormone beta HCG non viene prodotto, a meno che non ci sia in atto una gravidanza.

Test di gravidanza falso positivo: perché accade?

Nel 20% circa delle gravidanze, soprattutto nelle prime, può verificarsi un aborto spontaneo nelle prime settimane di gestazione o nei primi giorni. In alcune donne, se un aborto ha luogo subito dopo il concepimento, si presenterà come un semplice ciclo mestruale, quindi può risultare un falso positivo facendo il test.

Se, invece, la fecondazione non è mai avvenuta, a causare il falso positivo potrebbe essere qualcosa di più grave, come una malattia epatica, una cisti alle ovaie o un tumore. In ogni caso, è anche possibile che sia stato commesso un errore nell’esecuzione: magari il test era scaduto o è stato letto il risultato oltre i 5 minuti indicati sul foglietto illustrativo. Anche l’assunzione di farmaci che contengono HCG può compromettere l’accuratezza del risultato.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top