Ultimi articoli

La pillola anticoncezionale e altri metodi contraccettivi

Shares
Read Carefully

La contraccezione protegge dalle gravidanze indesiderate e, alcuni metodi, anche dalle malattie a trasmissione sessuale. Uno dei metodi più utilizzati dalle donne è la pillola anticoncezionale che ha il 99,9% di affidabilità.

Contraccettivi ormonali cosa sono?

I contraccettivi ormonali sono farmaci molto diffusi e, per molte donne sessualmente attive con partner fisso, costituiscono il metodo anticoncezionale di prima scelta. Questi non solo garantiscono un’elevatissima protezione da gravidanze indesiderate ed inattese, ma si rivelano prodigiosi alleati della salute femminile per varie ragioni. Innanzitutto, regolarizzano il ciclo mestruale, riducendo episodi di amenorrea, ne alleviano i dolori così come i sintomi della sindrome premestruale. Alleviano alcuni disturbi estetici, come l’acne; diminuiscono l’incidenza di cancro alle ovaie ed all’endometrio, e non causano tumore alla cervice.

Metodi contraccettivi non ormonali, cosa sono?

Esistono dei metodi contraccettivi che non utilizzano gli ormoni per scongiurare una gravidanza. Ecco quali sono:

  1. Il preservativo: che offre una sicurezza del 95% circa. Tutto dipende dal modo in cui viene usato ed è fondamentale per evitare malattie sessualmente trasmissibili. Il rischio maggiore è collegato alla possibilità di rottura o di sfilarsi durante o subito dopo il rapporto;
  2. Gli stick ormonali che servono a valutare la fertilità misurando i livelli di ormone LH per evitare una gravidanza. Questo è abbastanza rischioso se il ciclo non è regolare e in genere è un metodo utilizzato da quelle coppie che tutto sommato non sarebbero scontente se arrivasse una gravidanza;
  3. La spirale è il metodo che ha la percentuale di sicurezza più alta. E’un dispositivo barriera che va inserito dal ginecologo e ha una durata di circa 5 anni. Ha una sicurezza di circa il 97% però c’è un aumento del rischio di infezioni (in casi gravi tali infezioni possono portare a sterilità permanente e pertanto viene sconsigliata in giovani donne che in futuro desiderano una maternità).
  4. Il diaframma invece, che ha una sicurezza di circa l’84%, è una specie di vaschettina di caucciù che si inserisce in vagina prima del rapporto. Se si usa con una crema spermicida va tolto circa sei ore dopo il rapporto per dare tempo alla crema di svolgere sua azione. Si lava e può essere riusata per alcuni anni.

Pillola anticoncezionale: pro e contro

La pillola anticoncezionale è uno dei medicinali più discussi. Approvata per uso contraccettivo negli Stati Uniti d’America negli anni ‘60, è oggi utilizzata da oltre 100 milioni di donne nel mondo.

Vediamo quali sono tutti i suoi pro e i contro della pillola contraccettiva, usata dalle donne che desiderano vivere il rapporto di coppia senza l’ansia di una gravidanza indesiderata.

I vantaggi:

  • E’ efficace nel proteggere da gravidanze indesiderate nel 99% dei casi, assicurando alla donna la possibilità di vivere il rapporto di coppia con maggiore serenità;
  • E’ un prezioso alleato nella prevenzione del tumore all’ovaio, con un effetto protettivo a lungo termine;
  • Riduce il rischio di sviluppare carcinoma dell’endometrio (fino al il 50% in meno di incidenza), tumori del colon o del retto e tumori del corpo uterino;
  • Previene l’endometriosi che può rendere la vita delle donne che ne soffrono un vero inferno, anche adenomiosi, sindrome dell’ovaio policistico, gravi sintomi della sindrome premestruale, dismenorrea (o mestruazione dolorosa), anemia causata da mestruazioni particolarmente abbondanti;
  • Regolarizzazione del ciclo, un sensibile aumento del volume del seno (solitamente molto gradito dalle ragazze in giovane età), la riduzione di acne e foruncoli, nessuna interferenza con l’atto sessuale e, non ultimo, la facilità e praticità di utilizzo.

I suoi svantaggi, invece:

  • Non offre alcuna protezione dalle malattie sessualmente trasmissibili;
  • All’inizio dell’assunzione, può poi provocare nausea, tensione mammaria, sensazione di gonfiore e leggere perdite di sangue tra una mestruazione e l’altra;
  • Il rischio più temuto è quello che riguarda un’eventuale trombosi. La pillola aumenta infatti le possibilità di sviluppare coaguli di sangue, aumentando l’incidenza di trombosi e ictus;
  • Favorisce l’ipertensione e lo sviluppo o l’aggravarsi di patologie cardiocircolatorie e la ritenzione di liquidi;
  • Oltre alla comparsa degli inestetismi tipici della cellulite, si potrà di conseguenza notate un lieve aumento di peso, causato dalla ritenzione idrica e/o dall’interazione tra gli ormoni presenti nella pillola e quelli tiroidei;
  • Altri possibili effetti collaterali dei contraccettivi orali sono: secchezza cutanea e/o delle mucose orali, oculari e vaginali; aumento di acne o della pigmentazione cutanea; aumento della secrezione sebacea cutanea e della peluria; mal di testa, vampate di calore, vertigini, irritabilità, depressione e calo del desiderio sessuale.
Non perderti questo ->  Rimanere incinta a 40 anni e oltre, i consigli

Anello anticoncezionale: pro e contro

L’anello anticoncezionale rilascia, come la pillola, un bassissimo dosaggio di ormoni che impedisce l’ovulazione. Anche questo è usato da una moltitudine di donne perché ha numerosi vantaggi:

  • Altissima sicurezza contraccettiva (oltre 99%);
  • Gli ormoni rilasciati dall’anello contraccettivo passano rapidamente nel circolo sanguigno;
  • L’anello vaginale, a differenza della pillola contraccettiva, non prevede il primo passaggio tramite il fegato, né attraverso il tratto gastrointestinale: in tal modo, la sicurezza anticoncezionale è assicurata anche in caso di diarrea e vomito;
  • L’anello vaginale è impercettibile, sia dalla donna che dal partner, durante il rapporto sessuale;
  • Assicura una regolare ritmicità mestruale.

Non esiste un metodo contraccettivo completamente privo di effetti collaterali e controindicazioni, ecco quindi alcuni svantaggi dell’anello anticoncezionale:

  • E’ possibile che durante i primi mesi d’utilizzo dell’anello, il dispositivo esca spontaneamente dalla vagina;
  • L’anello potrebbe favorire l’instaurarsi di infezioni batteriche (es. Candida albicans): difatti, la presenza di un corpo estraneo in vagina potrebbe favorire la formazione di batteri e generare danno;
  • L’anello vaginale potrebbe provocare dispareunia (dolore durante i rapporti), in particolare nei primi mesi d’applicazione, lesioni vaginali, vaginiti e cisti.
  • Altri effetti comuni sono: acne, modulazione dell’umore, irritabilità, diminuzione del desiderio sessuale, dolore addominale, tensione mammaria, leucorrea, dismenorrea.

Cerotto anticoncezionale pro e contro

Il cerotto anticoncezionale è un altro metodo molto utilizzato dalle donne. Questo non provoca alcun aumento di peso ne aumenta o forma la cellulite. E’ semplice da utilizzare, pratico, vantaggioso e sicuro; anche dal punto di vista fisico  il cerotto non è un peso per la donna, poiché questo non influisce né sull’aumento ponderale, né sulla composizione del tessuto adiposo.

Il cerotto anticoncezionale ha offre molti vantaggi:

  • Stesso meccanismo d’azione della pillola, ma ancor più semplice da utilizzare;
  • Prevenzione delle gravidanze indesiderate pari al 99%;
  • Vomito e diarrea non interferiscono sull’efficacia contraccettiva, poiché, a differenza della pillola, il cerotto non prevede il passaggio attraverso il tratto gastrointestinale;
  • Evitando un possibile assorbimento gastrointestinale, il livello ormonale liberato nel sangue rimane sempre costante;
  • Cerotto non genera reazioni allergiche/intolleranze causate da eccipienti a base di lattosio, essendone privo (molte donne sono allergiche intolleranti al latte).

Spirale anticoncezionale pro e contro

Molte donne scelgono la spirale contraccettiva perché offre moltissimi vantaggi:

  • La spirale contraccettiva viene inserita nell’utero, e qui vi rimane per alcuni anni, a differenza della pillola anticoncezionale, che dev’essere assunta circa ogni giorno alla medesima ora per sfruttarne il massimo dell’efficacia;
  • La sicurezza contraccettiva della spirale, in particolare quella a lento rilascio ormonale, assicura una contraccezione straordinaria (sicurezza anticoncezionale delle spirali di ultima generazione pari a 99.9%);
  • La liberazione periodica del progestinico, in minima quantità, consente di ridurre notevolmente il flusso mestruale, evitando mestruazioni abbondanti;
  • La spirale ormonale riduce notevolmente disturbi mestruali quali menorragia e dismenorrea;
  • La spirale può essere rimossa in ogni momento ed in seguito la donna, quando lo desidera, può avere un’altra gravidanza (rapida reversibilità dell’effetto).

Anche la spirale però hai dei svantaggi :

  • Gli effetti collaterali più frequenti nelle donne che utilizzano la spirale progestinicaIi sono: il gonfiore al seno, l’acne, l’emicrania e la percezione di gonfiore generalizzato. Come la pillola, anche l’efficacia contraccettiva di questo modello di spirale potrebbe essere compromessa dall’uso concomitante di alcuni farmaci;
  • La spirale può generare secchezza vaginale e vampate di calore, simili a quelle della menopausa.

Contraccettivi orali maschili

Una combinazione di ormoni iniettata nel corpo maschile si è rivelata un contraccettivo efficace quanto la pillola femminile, prevenendo le gravidanze nel 96% dei casi. Chiamato il “Pillolo” è un contraccettivo ormonale per l’uomo, costituito da una combinazione di due ormoni, un progestinico e l’ormone sessuale maschile testosterone.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Top