Ultimi articoli

Cos’è la balbuzie: tutte le cause, la cura e gli esercizi

Shares
Read Carefully

Cosa troverai in questo articolo:

La balbuzie è un disturbo del linguaggio che provo blocchi, esitazioni e ripetizioni mentre si parla. Questo si manifesta solitamente dai 3 ai 6 anni e i sintomi si possono acutizzare durante una situazione di stress.  Non è facile dire con sicurezza quali siano le cause della balbuzie. Molto dipende da una tensione emotiva e alla relazione con gli altri o ad eventi traumatici. Ci sono diversi tipi di cura, ai quali si può fare ricorso, anche se non è detto che essi possano rivelarsi efficaci. Da non trascurare appositi esercizi.

Cause

Attorno alle cause della balbuzie rappresentano ancora un oggetto di indagine per la ricerca scientifica. Subentrano tantissimi fattori come elementi comportamentali, psicodinamici, organici e funzionali. Per la balbuzie evolutiva non si sa bene quali elementi prendere molto in considerazione. Al contrario è il caso in cui il disturbo può essere acquisito, perché si potrebbe trattare di neoplasie alla testa, ictus, lesioni e traumi gravi. A volte ci sono fenomeni di origine psicogena,  e le cause potrebbero essere legate ad un trauma dell’infanzia. Quello che entra in gioco sono l’ansia, lo stress e la tensione emotiva in generale. Quando un bambino manifesta questo tipo di disturbo, infatti,  è importante che i genitori non aggravino la situazione, portando il tutto a forme esagerate di esasperazione e di preoccupazione.

La cura

Per curare la balbuzie esistono diversi approcci terapeutici. Primo fra tutti è l’autoterapia che consiste nel prendere consapevolezza della disfunzione verbale e nell’accrescere il desiderio di guarire. Nella maggior parte dei casi è necessario l’aiuto di un logopedista, con l’aiuto di un esperto si potrebbero individuare i fattori psicologici che incidono, per poter provare a desensibilizzare ansie e paure. Il lavoro del logopedista potrebbe essere accompagnato anche da un consulto psicologico. Alcuni esercizi sono molto utili specie per la respirazione, la corretta articolazione delle labbra e della lingua e la fonazione. Ci sono anche delle apparecchiature elettroniche, che hanno l’obiettivo di migliorare la fluidità del linguaggio.

Gli esercizi

Esistono degli esercizi per le balbuzie che usano una tecnica corporea e una linguistica. La cosa importante è che il paziente impari a conoscere il suo corpo e come l’ansia influisca su questo. La cosa importante è esercitarsi ad ritrovare il ritmo perso dal linguaggio.

  • Un primo esercizio si può eseguire stando distesi supini e chiudendo gli occhi, per rilassarsi, basta inspirare con il naso e poi buttare fuori l’aria con la bocca, puntando l’attenzione sulla zona del diaframma. Quando ci si accorge che questa parte del corpo è rilassata, si incomincia a parlare, per poi tornare a rilassarsi, nel momento in cui ci si inceppa.
  • Un altro esercizio consiste nello stare in posizione distesa con gli occhi chiusi e respirando profondamente. Ci si deve immaginare se stessi alle prese con una prova da superare, una situazione che potenzialmente potrebbe creare dell’ansia. Ci si rilassa e poi si incomincia a parlare. Altre tecniche consistono nell’ascoltare un brano musicale e leggere seguendo il ritmo della musica oppure nel registrare la propria voce e riascoltarla, disegnando su un foglio ed esprimendo le emozioni che l’ascolto provoca.
Non perderti questo ->  Nomi femminili: i più belli e di tendenza per il 2018

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Top